Speciale su Mimmo Lucano - Riace

Il 2 ottobre come un fulmine a ciel sereno, come uno tsunami, un terremoto… arriva la notizia che il sindaco di Riace Domenico Lucano è stato posto agli arresti domiciliari. Una notizia che  ha travolto e che ha fatto il giro del mondo. Il 6 ottobre una marea di persone, giovani, donne, uomini, bambini, istituzioni, amici e simpatizzati di Riace e del suo sindaco si danno appuntamento nel piccolo borgo reggino e sfilano per le stradine del paese. Passano anche sotto l’abitazione di Mimì. Pugni chiusi e Bella ciao cantata a squarciagola. Lui li saluta affacciandosi alla finestra il braccio alzato e il pugno chiuso… senza nascondere qualche lacrima. Tenero Mimì. Il suo saluto e ringraziamento ai manifestanti sarà poi letto in piazza da Chiara Sasso della Re.Co.Sol.